TotalErg verso cessione: dopo Shell e Esso un altro storico marchio lascia l'Italia

ROMA - Un altro marchio storico della benzina, dopo Shell ed Esso, rischia di uscire dalla rete italiana. È TotalErg, la joint venture tra il gruppo francese e quello genovese che, stando a quanto affermano i sindacati dei gestori dei distributori di carburanti, sarebbe ormai prossima alla cessione. «Entro pochissimi giorni, a quanto è dato sapere prima del 25 gennaio prossimo, si chiuderanno i termini per la presentazione delle manifestazioni d’interesse all’acquisto, dando praticamente il via alla fase conclusiva della vendita di una delle maggiori compagnie petrolifere operanti in Italia», affermano Faib Confesercenti, Fegica Cisl e Figisc/Anisa Confcommercio, lanciando l’allarme per «la completa disgregazione di un settore strategico».

Le tre sigle chiamano quindi Governo (in particolare è stato chiesto un incontro con il ministero dello Sviluppo economico) e Parlamento a «un intervento preventivo e deciso a tutela dell’interesse collettivo, sia in termini di investimenti che di sicurezza energetica, oltreché per difendere e tutelare migliaia di posti di lavoro, tra dipendenti aziendali, gestori e addetti alla distribuzione carburanti, che sono messi fatalmente a rischio, anche in considerazione della platea di soggetti che sembrano interessati all’acquisto con mire esclusivamente speculative». TotalErg, che conta 2.700 punti vendita su tutto il territorio nazionale, è una joint venture che fa capo per il 49% al gruppo francese e per il 51% a quello che ha sede a Genova.

Proprio Erg, che non ha voluto commentare ufficialmente la notizia diffusa dai sindacati, in passato aveva comunque annunciato l’intenzione di uscire dal mercato dei carburanti, per dedicarsi al proprio core business, ormai costituito dalle energie rinnovabili: la distribuzione dei carburanti «non fa più parte del nostro core business, perché abbiamo fatto una scelta green e dobbiamo essere coerenti con essa», aveva dichiarato a maggio scorso l’ad di Erg Luca Bettonte, aggiungendo che «se nell’ambito di un percorso di valorizzazione ci fosse la possibilità di uscirne non scarteremmo quest’opzione». Questa possibilità, stando a quando affermano i sindacati, si starebbe dunque concretizzando con l’addio anche da parte di Total: le indiscrezioni parlano infatti di un interesse da parte di fondi d’investimento e nei mesi scorsi erano circolati i nomi di Carlyle, dell’irlandese Bcc e dell’americana Kkr, interessati a un affare che si aggirerebbe sui 700 milioni di euro.
 
 
VUOI CONSIGLIARE QUESTO ARTICOLO AI TUOI AMICI?
Martedì 17 Gennaio 2017, 13:15
© RIPRODUZIONE RISERVATA
CERCA UN ARTICOLO
Sezione
Parola chiave
   
MILLERUOTE
di Giorgio Ursicino
Buona la prima. La Ferrari c’è. Con una corsa impeccabile la Rossa di Sebastian Vettel domina il Gran Premio d’Australia e torna alla vittoria dopo un anno e mezzo, interrompendo...
La Peugeot 3008 eletta auto dell'anno al salone di Ginevra 2017
SEGUICI su facebook
TUTTOMERCATO
NUOVE REGOLE UE
Due seggiolini con lo schienale
ROMA - “Ad oggi non è prevista alcuna sanzione per chi continuerà a usare i...
SICUREZZA AL VOLANTE
Il manichino big size
ROMA - Anche i crash test dummies, i manichini usati per provare la sicurezza dei veicoli, si...
TEST AUSTRALIA
Maverick Vinales domina anche la terza giornata di test in Australia
PHILLIP ISLAND - Maverick Vinales ha dominato anche il terzo giorno di test della Motogp sul...
IL NUOVO GIOIELLO
La Ferrari SF70H
MARANELLO - Si chiama SF 70 H, dove la h sta per la motorizzazione Hybrid, la Ferrari che...
LE ULTIME PROVE
CALTAGIRONE EDITORE | IL MESSAGGERO | IL MATTINO | CORRIERE ADRIATICO | IL GAZZETTINO | QUOTIDIANO DI PUGLIA | LEGGO | PUBBLICITA' CONTATTI   |   PRIVACY
© 2017 IL GAZZETTINO - C.F. 00744300286 - P.IVA 02742610278