Patente ritirata subito a chi guida con il cellulare, Polstrada annuncia stretta

Patente ritirata a chi guida con il cellulare, Polstrada chiede stretta

  • condividi l'articolo
  • 66

Ok alle pene più severe previste dal reato di omicidio stradale, ma niente revoca automatica della patente, a meno che il conducente non sia ubriaco o drogato. Così la Corte Costituzionale sulla legge 41 del 2016. Intanto, la Polstrada rilancia l'allarme per l'uso del cellulare alla guida e chiede il ritiro della patente già alla prima violazione del divieto. In troppi alla guida col cellulare o altri dispositivi, ormai la causa principale degli incidenti. E la Polizia stradale chiede il ritiro della patente già alla prima violazione del divieto.

Formula 1, Hamilton: «Ferrari forte, per noi la sfida sarà più dura»
 


Intanto, dalla Corte costituzionale arriva il via libera alle pene più severe previste dal reato di omicidio stradale, ma niente revoca automatica della patente, a meno che il conducente non sia ubriaco o drogato. Supera dunque il vaglio di costituzionalità la legge 41 che ha introdotto il reato di omicidio stradale e quello di lesioni personali stradali gravi o gravissime, inasprendo le sanzioni. La Corte ha però dichiarato l'illegittimità costituzionale l'automatica revoca della patente di guida in tutti i casi di condanna per omicidio e lesioni stradali. Sta al giudice valutare, caso per caso, se applicare, in alternativa alla revoca, la meno grave sanzione della sospensione della patente. Sì alla revoca automatica, invece, in caso di condanna per reati stradali aggravati dallo stato di ebbrezza o di alterazione psicofisica per l'assunzione di droghe. 

Reddito, stretta sugli stranieri: serve il timbro del consolato

E nuove norme si preparano ad essere inserite nel Codice stradale. Oggi la commissione Trasporti, che sta svolgendo una serie di audizioni in merito, ha ascoltato Santo Puccia, primo dirigente della Polizia stradale, che ha ricordato: la principale causa degli incidenti stradali «è la distrazione e l'uso improprio di smartphone e altri dispositivI. Una modifica normativa che consenta la sospensione e quindi il ritiro della patente alla prima violazione va incontro all'esigenza di essere più efficaci nel contrasto a questo comportamento pericolosissimo». Attualmente la sospensione della patente c'è solo in caso di recidiva e ciò, ha aggiunto Puccia, «si è mostrato poco efficace in termini di deterrenza. Purtroppo si tratta di una trasgressione diffusissima e difficile da contrastare. Per questo lo spauracchio del ritiro della patente alla prima violazione può essere efficace». Il dirigente della Polstrada ha poi auspicato la possibilità di perseguire chi è stato trovato positivo all'uso di sostanze stupefacenti ma non in stato di alterazione alla guida in modo da sottoporlo a verifica da parte delle commissioni competenti«. E ha infine segnalato che sono troppo pochi i due centri (uno a Roma e l'altro a Milano) che devono controllare l'idoneità dei circa mille etilometri in uso alle forze di polizia: così molti di questi strumenti restano a lungo inutilizzati.​

  • condividi l'articolo
  • 66
Mercoledì 20 Febbraio 2019 - Ultimo aggiornamento: 21-02-2019 13:05 | © RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 10 commenti presenti
2019-02-20 11:40:48
D'accordissimo! O usi il bluetooth o vai a piedi, percghè oltre alla tua di vita, metti a rischio quella degli altri!
2019-02-21 22:00:48
Bene, cosi' avremo le strade libere da tir e furgoni.
2019-02-21 08:47:40
CALMA prima bisogna rimpatriare 600.000 clandestini in un mese
2019-02-21 08:46:54
bellissima proposta , se passa e se applicata VERAMENTE avremmo una diminuzione del traffico stradale del 50 % ( minimo)
2019-02-20 19:35:55
già fanno fatica a fermarli una volta, immaginarsi se uno viene pescato due volte mentre telefona. è come vincesse all'enalotto. finchè non si mettono in borghese e con auto civetta è difficile che trovino qualcuno col cellulare in mano a meno che non sia proprio un pollo o sia veramente molto distratto per non vederli.