La Hyundai Nexo

Nexo, una boccata d'idrogeno. A bordo della Hyundai che emette dallo scarico solo vapore acqueo

di Mattia Eccheli
  • condividi l'articolo
  • 5

BOLZANO - Non solo viaggia ad emissioni zero (anche acustiche) su strada, ma è perfino in grado di ripulire l’aria dall’equivalente delle polveri sottili (addirittura inferiori alle Pm2.5) emesse da due auto a gasolio. La Hyundai Nexo a celle a combustibile è l’ammiraglia tecnologica del costruttore coreano, evoluzione della ix35 fuel cell, la prima auto a celle a combustibile a venire prodotta in serie. Se, come in provincia di Bolzano, l’idrogeno viene prodotto in maniera sostenibile grazie all’idroelettrico, l’impronta di carbonio è vicina alla neutralità. In questo decennio il colosso coreano intende investire poco meno di 7 miliari di euro nella tecnologia a celle a combustibile, anche spingendo sulla produzione, che lieviterà fino a 700.000 unità. Non a caso fra i 18 nuovi modelli a zero emissioni che il colosso coreano intende lanciare entro il 2025 viene citato anche un veicolo a idrogeno. In Svizzera ha già sottoscritto un contratto per la fornitura di 1.600 veicoli industriali fuel cell. La consegna dei primi 50 H2 Xcient da quasi 260 cavalli di potenza e 400 chilometri di autonomia è prevista per l’anno in corso.
 

 
La Nexo a idrogeno, sottolinea Andrea Crespi, direttore generale di Hyundai, è un veicolo «frutto di tecnologie all’avanguardia». «Con un singolo pieno, in appena 5 minuti, riesce a garantire un’autonomia fino a 666 chilometri», ricorda il manager. Per Crespi, quella di Bolzano è una «tappa fondamentale nello sviluppo della mobilità a zero emissioni, con la consegna di una flotta prima e unica nel suo genere in Italia».
Le celle a combustibile, il motore elettrico, la batteria e i serbatoi di idrogeno funzionano in sinergia. Quando l’idrogeno passa alla batteria, viene scomposto in protoni ed elettroni. Il flusso di questi ultimi creato nella cella a combustibile fornisce elettricità per alimentare il motore elettrico, mentre i protoni reagiscono con le molecole di ossigeno nell’aria generando calore e acqua, che costituisce l’unica emissione della Nexo. «L’aria purificata non utilizzata nella cella a combustibile viene reimmessa nell’ambiente attraverso lo scarico, contribuendo alla riduzione dell’inquinamento da polveri sottili», assicura il costruttore.

Dal 2013 in poi, quando l’amministrazione locale ha avviato il piano che ha preso vita attraverso vari progetti (Chic, Life, Mehrlin e Jive), lungo le strade altoatesine hanno circolato una trentina di Hyundai. L’attuale parco a idrogeno è composto da venti modelli coreani (920.000 chilometri già percorsi), i più avanzati dei quali sono 10 nuovissima Nexo. Ufficialmente a listino a 75.000 euro, il suv a celle a combustibile è omologato a cinque posti. Ha un abitacolo avveniristico con un ampia consolle centrale in posizione più elevata rispetto a quella delle auto “tradizionali”. È li che sono posizionati i comandi più comuni.
Dallo schermo a sfioramento da 12,3’’ si regolano le altre impostazioni e si può seguire il funzionamento dell’auto. Che dispone di un “conto alla rovescia” che ricorda la distanza dal distributore più vicino, assolutamente indispensabile in Italia dove per il momento ce n’è uno soltanto, a Bolzano. In Alto Adige e lungo l’Autostrada del Brennero, ne riferiamo in basso, ne dovrebbero sorgere un’altra decina mentre Eni sta lavorando alla realizzazione di un impianto a Milano.

Il passo di quasi 280 centimetri assicura uno spazio notevole agli occupanti. La velocità massima è di 179 km/h per bilanciare le esigenze relative alla percorrenza con le prestazioni. Il Suv a idrogeno è spinto da un motore elettrico da 163 cavalli che ha una coppia generosa, 395 Nm: in base alle impostazioni di guida, c’è anche la Eco+, si possono regolare alcuni parametri per incrementarne l’autonomia. I serbatoi hanno una capacità di oltre 6 litri, vale a dire che un rifornimento completo costa un’ottantina di euro a Bolzano (11,29 euro al chilo, Iva esclusa), una ventina più che in Austria.

Il pieno, insomma, non è esattamente economico, ma il Suv a idrogeno non solo viaggia senza inquinare, ma è anche versatile nonostante i suoi 2.300 chilogrammi di peso. In base alla configurazione dei sedili, il bagagliaio ha una capacità compresa fra i 461 ed i 1.466 litri. Che è importante considerando che si tratta di una sorta di laboratorio viaggiante, peraltro con un design accattivante. E con elevatissimi standard di sicurezza, come confermano le 5 stelle EuroNcap assegnate nell’ambito del programma europeo di valutazione di cui fa parte anche l’Automobil Club d’Italia. Fra i grandi Suv, la Hyundai Nexo è addirittura risultata la migliore.

  • condividi l'articolo
  • 5
Sunday 10 May 2020 - Ultimo aggiornamento: 13-05-2020 12:21 | © RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti