La Williams  F1

F1, Williams sempre più in crisi: perde lo sponsor e mette il team in vendita

di Massimo Costa
  • condividi l'articolo

Al peggio non c'è mai fine diceva qualcuno... E per la Williams è proprio così. Dopo aver vissuto la più brutta stagione della sua gloriosa storia in F1, la squadra inglese diretta da Claire Williams, figlia del fondatore Frank, è ora in vendita. Qualche settimana fa, Latifi senior, padre del pilota Nicholas che con la squadra con sede a Grove (Gran Bretagna) debutterà quest'anno, aveva portato alle casse della Williams qualcosa come 60 milioni di euro mettendo una ipoteca sul team. Sembrava la mossa decisiva per la salvezza, ma ora lo sponsor Rokit ha abbandonato a sorpresa la compagnia lasciando Claire Williams nella più totale desolazione. Presentando i risultati finanziari del 2019, Williams ha dichiarato di valutare tutte le opzioni possibili: "Aumenti di capitale, cessione di una quota di minoranza, o cessione di una quota maggioritaria che comprende la potenziale vendita dell'intera azienda. Non ci può essere certezza di ricevere un'offerta, né in quali termini o tipologia. Il consiglio di amministrazione si riserva il dirititto di concludere questa fase in qualsiasi momento, con un annuncio qualora dovesse avvenire", questa la nota diramata dalla Williams.

La perdita certificata è di 14 milioni di euro e l'amministratore delegato Mike O’Driscoll ha ricordato che il calo degli introiti è dovuto soprattutto alla scarsa competitività in pista delle ultime due stagioni, che si è tradotta in minori ricavi commerciali. Dal 2018 al 2019 l'importo dei premi ricevuti è infatti sceso da 144 a 85 milioni. L'emergenza Coronavirus sarà un altro duro colpo: "Avrà un impatto sui nostri diritti commerciali di quest'anno". A questo si aggiunge la fine anticipata dell'accordo con lo sponsor principale Rokit: una sorpresa, perché lo scorso luglio era stato addirittura prolungato da tre a cinque anni. Al Gran Premio d'Austria che aprirà il Mondiale 2020, quindi, la FW43 mostrerà una livrea diversa da quella dei test invernali. Come prevedibile, se non altro, sono state accolte positivamente le nuove regole finanziarie varate da Liberty Media: budget cap e distribuzione più equa dei profitti. "Il cda della Williams ritiene che questi cambiamenti possano risolvere le diseguaglianze in F1 e consentire alle squadre di competere maggiormente alla pari", viene affermato.

  • condividi l'articolo
Lunedì 1 Giugno 2020 - Ultimo aggiornamento: 03-06-2020 14:39 | © RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti