La nuova Honda CBR1000RR-R Fireblade SP

Nuova CBR1000RR, riflettori puntati sulla supersportiva Honda ad altissime prestazioni

di Antonino Pane
  • condividi l'articolo

MILANO - Tutti a caccia del padiglione dove c’è la Honda. La curiosità è tanta per vedere in anteprima la nuova CBR1000RR, la supersportiva ad altissime prestazioni annunciata come il modello di punta dello show. Honda all’Eicma di questa moto  presenta novità in vari segmenti del mercato ma in pole ci sono le nuove CBR1000RR-R Fireblade e CBR1000RR-R Fireblade SP. 

Chi ama le moto sportive sa bene che “Honda Fireblade” trasmette subiti maneggevolezza, bilanciamento e puro divertimento di guida. E allora ecco che per il 2020, Honda annuncia l’apertura  di “un nuovo capitolo nell’illustre storia della Fireblade dando vita a una moto Born to race (nata per correre). 

Già le sigle di questa moto dicono molto. Fortemente ispirata alla RC213V MotoGP e alla sua versione stradale RC213V-S, la Fireblade 2020 si guadagna una ulteriore “R” e diventa CBR1000RR-R. E poi i numeri esaltano: è spinta, naturalmente, dal più potente motore a 4 cilindri in linea che Honda abbia mai prodotto in serie. Condividendo con la RC213V le stesse misure di alesaggio e corsa, la CBR1000RR-R Fireblade 2020 sviluppa una potenza massima di 217,5 CV a 14.500 giri/min e un picco di coppia di 113 Nm a 12.500 giri/min, fermando l’ago della bilancia a soli 201 kg con il pieno di benzina.

Che dire ancora? Che la CBR1000RR-R Fireblade sarà disponibile anche in versione SP, che si differenzia dal modello standard per le sospensioni Öhlins elettroniche (al posto delle Showa pluriregolabili), e l’impianto frenante anteriore Brembo Stylema (al posto di Nissin). Entrambe le versioni vantano abili), e l’impianto frenante anteriore Brembo Stylema (al posto di Nissin). Entrambe le versioni vantano la stessa pinza freno posteriore Brembo già adottata per la RC213V-S.

I tecnici di Honda fanno subito notare che l’aerodinamica gioca un ruolo importante per le prestazioni della nuova Fireblade. “È stata studiata e messa a punto in stretta collaborazione con i progettisti HRC - sottolineano - che hanno applicato tutte le soluzioni derivanti dall’esperienza con la RC213V. In più, l’introduzione della nuova piattaforma inerziale (IMU) Bosch a 6 assi, che rimpiazza la precedente a 5 assi, conferisce alla nuova CBR1000RR-R una precisione di calcolo del rollio, beccheggio, imbardata, e un livello di controllo senza precedenti. Infine, in collaborazione con Akrapovic, è stato realizzato il terminale di scarico in titanio con valvola parzializzatrice”.

Entrambe le nuove CBR1000RR-R Fireblade e Fireblade SP arriveranno sul mercato nelle due colorazioni Grand Prix Red (ispirata ai colori HRC) e Matte Pearl Black.

  • condividi l'articolo
Tuesday 5 November 2019 - Ultimo aggiornamento: 14-11-2019 14:28 | © RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti