La nuova Ford Kuga

Nuova Ford Kuga punta sulla generazione ibrida: è mild, full e plug-in

di Nicola Desiderio
  • condividi l'articolo
  • 6

FRANCOFORTE - Via la faccia da dura e dentro la scossa per la Ford Kuga di terza generazione che diventa più crossover e meno Suv offrendo ben 3 livelli di elettrificazione, come mai nessuna Ford aveva mai avuto. La nuova Kuga è basata sulla piattaforma C2, la stessa che ha debuttato con la Focus e che le permette di essere più rigida, più leggera e di offrire maggiore sicurezza. È più lunga di 44 mm, più larga di ben 89 mm e allunga il passo di 20 mm per offrire un pacchetto globalmente più efficiente e al passo con i tempi. L’abitacolo ha uno stile più pulito e tanta tecnologia in più: si può avere persino la strumentazione digitale con l’head-up display, il sistema infotelematico Sync3 con schermo da 8 pollici è sempre online così da avere più servizi a bordo e la possibilità di interagire con la vettura anche a distanza attraverso lo smartphone.

Lo spazio all’interno è più ampio e flessibile, grazie al divano posteriore scorrevole che permette di aumentare l’agio per le ginocchia o avere 67 litri in più per il bagagliaio. Dalla Focus arriva in blocco anche tutta la dotazione di sicurezza che permette di avere la guida assistita di livello 2, ulteriormente evoluta con la frenata autonoma che riconosce le situazioni di pericolo anche agli incroci. Ma le novità più interessanti sono sotto il cofano. Ci saranno i diesel 1.5 da 120 cv e il 2 litri da 190 cv che avrà anche la trazione integrale e il cambio automatico a 8 rapporti. Ci sarà anche l’1.5 a benzina da 120 e 150 cv a 3 cilindri che ne disattiva uno ai bassi carichi per diminuire i consumi e le emissioni. Ma soprattutto ci saranno gli ibridi, e per tutti i gusti. Si parte da quello “mild” a 48 Volt con un motogeneratore da 11,5 kW e 50 Nm che sostituisce il motorino di avviamento e fornisce al diesel 2 litri da 150 cv una spinta supplementare allo spunto, recupera l’energia in rilascio e permette di spegnere il 4 cilindri in anticipo prima delle soste.


Lo stesso sistema sarà applicato anche al 3 cilindri mille da 155 cv sulla nuova Puma, ma anche su Fiesta e Focus migliorando l’efficienza del 9%. Salendo, si passa alla versione full-hybrid dotata di motore 2.5 a ciclo Atkinson e trasmissione epicicloidale per collegare, senza frizioni, anche il motore elettrico e il generatore e consentire il funzionamento sia in parallelo sia in serie. Al piano più alto c’è la plug-in che porta la potenza complessiva a 225 cv e, grazie alla batteria da 14,4 kWh, la Kuga può percorrere oltre 50 km ad emissioni zero con un consumo dichiarato di 1,2 litri/100 km pari a 29 g/km di CO2. Ma Ford ha altre due ricaricabili in serbo, con schemi altrettanto diversi. La Tourneo Custom è un ibrido plug-in serie dove il 3 cilindri mille ricarica la batteria quando si esauriscono i 50 km della batteria caricata alla spinta. L’Explorer invece è un ibrido parallelo: l’elettrico inserito nel cambio a 10 rapporti porta la potenza totale del V6 3 litri biturbo a 450 cv e 840 Nm di coppia. Quello che ci vuole per un Suv di taglia americana – è lungo 5 metri e 20 – ed è destinato a diventare l’ammiraglia indiscussa di Ford in Europa.
 

  • condividi l'articolo
  • 6
Mercoledì 16 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento: 19-10-2019 14:02 | © RIPRODUZIONE RISERVATA