La nuova Opel Corsa

Opel Corsa, arriva la rivoluzionaria 6^ generazione. A marzo anche elettrica

di Giampiero Bottino
  • condividi l'articolo

MILANO - Quando l'evoluzione della specie diventa una rivoluzione. È il caso della sesta generazione di Opel Corsa che, dopo oltre 13,7 milioni di unità vendute in 37 anni di più che onorata carriera (1,6 milioni le consegne italiane, per metà ancora circolanti), è protagonista di una svolta epocale in termini di stile, tecnologia e modalità di propulsione.
 

 

Buona parte del merito va attribuita all'ingresso del marchio tedesco nell'orbita del gruppo francese Psa che, mettendo a disposizione la piattaforma multi-energia Cmp condivisa tra l'altro con la nuova Peugeot 208, consente alla piccola di Rüsselsheim di accreditarsi come la prima della sua categoria a presentarsi non solo con moderni ed efficienti motori tradizionali – i benzina 1.2 a 4 cilindri da 75 cv e 3 cilindri da 100 e 130 cv e il turbodiesel 1.5 da 100 cv – ma anche con la propulsione 100% elettrica della Corsa-e, accreditata di 136 cv, 330 km di autonomia nel ciclo di prova Wltp e possibilità di ricaricare all'80% la batteria in 30 minuti. Tutte le versioni sono ordinabili, anche se l'avvio delle consegne è previsto a novembre per i motori termici e a marzo 2020 nel caso dell'elettrica.

Caratterizzata da un look più moderno e dinamico, nel quale alcuni dettagli estetici come la nervatura del cofano motore anticipano lo stile delle prossime Opel, la nuova Corsa soddisfa in pieno i requisiti fondamentali del brand – essere tedesca, accessibile ed entusiasmante – con le linee di aggressiva sportività, l'attenzione ai particolari e l'accogliente comfort di un abitacolo spazioso e di eleganza hi-tech, dominato al centro della plancia dal display tattile che nella versione top di gamma Multimedia Navi Pro arriva alla misura di 10 pollici.

È il sintomo più evidente della svolta tecnologica che ha regalato alla compatta di Rüsselsheim sistemi ereditati dai segmenti superiori, tra cui soluzioni tipicamente Opel come i gruppi ottici IntelliLux Led matrix piuttosto che la funzione massaggio dei sedili oltre a dispositivi diffusi ma non sempre presenti su vetture di questa classe: dalla connettività assicurata dalla compatibilità con Android Auto e Apple CarPlay alla ricarica wireless dello smartphone, dal monitoraggio dell'angolo cieco a quello del mantenimento della corsia di marcia con eventuale «correzione di rotta», dalla frenata automatica d'emergenza con riconoscimento di ciclisti e pedoni alla prevenzione dei colpi di sonno, dall'assistenza al parcheggio con telecamera posteriore panoramica alla protezione della fiancata Flankguard affidata a 12 sensori, al debutto su questo modello.

Il listino della Corsa 6 (o Corsa F secondo la scansione alfabetica preferita a Rüsselsheim) parte da 15.550 euro per le versioni benzina e diesel nell'allestimento Edition, al quale fanno compagnia i livelli Elegance (più orientato alla ricercatezza estetica) e GS Line rivolto a un target più sportivo, che a parità di motorizzazione hanno lo stesso prezzo che parte da 18.150 euro per il benzina 1.2 da 100 cv con cambio manuale a 6 rapporti. Fanno eccezione il benzina da 75 cv, disponibile per 17.150 euro solo nel caso della Elegance, e il 3 cilindri turbo da 130 cv che ne costa 20.750 ed è riservato alla GS Line.

Un listino comunque dal significato relativo, perché – almeno questa è l'opinione espressa dal management di Opel Italia durante l'anticipazione milanese che ha preceduto il debutto ufficiale di nuova Corsa al Salone di Francoforte – l'interesse dei clienti (soprattutto quelli delle nuove tipologie di alimentazione) si sta spostando dal prezzo d'acquisto al costo di utilizzo.

Emblematica in tal senso la formula che prevede il noleggio per 4 anni, con percorrenza di 15.000 km annui, nel caso di tre esemplari della nuova Corsa: benzina da 130 cv, turbodiesel ed elettrica. All'anticipo comune di 5.900 euro bisogna aggiungere un esborso mensile (canone+costo dell'energia) di 369 euro, uguale per i tre modelli. Una soluzione che permette alla versione elettrica di compensare il gap che nel listino ufficiale – dove figura con tre allestimenti che costano da 29.900 a 33.300 euro – la separa dalle «sorelle» a propulsione convenzionale.

  • condividi l'articolo
Domenica 1 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento: 19-09-2019 18:36 | © RIPRODUZIONE RISERVATA