La Jeep Wrangler 4xe

Un mito all’avanguardia: anche Jeep Wrangler diventa “zero emission”

di Piero Bianco
  • condividi l'articolo

Nel mondo Jeep, Wrangler è l’icona assoluta, il modello che meglio rappresenta il Dna off-road del brand, ma anche il progresso straordinario compiuto sul fronte del comfort e delle prestazioni in normali condizioni d’impiego. Ora anche la Wrangler ha compiuto quel passo cruciale sul fronte dell’elettrizzazione proponendosi nella formula 4xe. Questa sigla indica le Jeep ibride plug-in, che offrono il meglio della tecnologia ricaricabile alla spina e identificano il processo di evoluzione del marchio americano, gioiello redditizio di Stellantis. Un percorso virtuoso avviato da Renegade e Compass (con motore turbo MultiAir 4 cilindri a benzina 1.3 da 130 o 180 Cv abbinato a due motori elettrici) e che sarà esteso progressivamente all’intera gamma.

«Jeep ha inventato il concetto di 4x4 – ha spiegato la responsabile dell’area Emea, Antonella Bruno - poi l’ha sviluppato creando i Suv premium, efficienti e pure eleganti. Adesso le 4xe propongono un’altra svolta importante verso un futuro sostenibile, che ottimizza capability e prestazioni garantendo l’equilibrio ottimale fra efficienza, divertimento e attenzione per l’ambiente». Uno scenario ambizioso che presto proporrà, naturalmente, anche modelli full-electric (compresa proprio la Wrangler) ma che oggi esalta il concetto di avanzato ibrido plug-in. La nuova 4xe, che esordisce sul mercato con la versione First Edition a 4 porte e negli allestimenti Sahara, Rubicon e 80° anniversario, è la Wrangler più potente, efficiente, sostenibile e tecnicamente avanzata di ogni tempo. È spinta da un propulsore 2.0 turbobenzina (abbinato a un cambio automatico a 8 marce) e da due motori elettrici alimentati da una batteria da 17 kWh. 

Il sistema è in grado di erogare 380 cv complessivi e una coppia massima di 637 Nm promettendo una percorrenza a emissioni zero di 50 km. La trazione 4x4 è ottenuta grazie al sistema elettrificato, senza rinunciare alla tradizionale efficienza delle funzioni Trail Rated. Su strada, offre inoltre una significativa accelerazione con lo spunto da 0 a 100 km/h in 6,4 secondi. In meno di 3 ore si ottiene la ricarica completa della batteria. Il Suv per antonomasia ha sfoggiato le sue migliori qualità percorrendo, in modalità completamente elettrica, il Rubicon Trail nella catena montuosa della Sierra Nevada, uno tra i più estremi tracciati off-road al mondo. Questo 2021 che segna l’80^ anniversario del simbolo Usa, è particolarmente ricco di novità globali per Jeep. In America è già stata svelata la nuova Grand Cherokee, ormai pronta al debutto in Europa, sulla scia del pick-up Gladiator che in attesa di essere elettrizzato esibisce un potente diesel MultiJet V6 da 3 litri con 264 Cv di potenza e 600 Nm di coppia. La Grand Cherokee di quinta generazione, presentata in Usa nella configurazione a tre file di sedili e 7 posti, da noi arriverà entro fine anno con la formula dei 5 posti su due file e (anche) un motore ibrido 4xe. Perché è ormai questa la strada senza ritorno: anche le icone attaccano la spina.

  • condividi l'articolo
Martedì 22 Giugno 2021 - Ultimo aggiornamento: 02-07-2021 12:18 | © RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti